L’accesso alle mostre è gratuito per tutti gli iscritti all’Ordine degli architetti PPC di Trieste e per tutti coloro che faranno richiesta alla segreteria dell’Ordine, inviando una mail ad architettitrieste@archiworld.it o telefonando allo 040.768720 (da lunedì a venerdì ore 11-13).
Le mostre ancora visitabili sono:
fino al 28 gennaio compreso:
Architetti in prospettiva: progetti under 40 in mostra
MODERNISM IN-BETWEEN – The Mediatory Architectures of Socialist Yugoslavia’, rispettivamente ospitate al V e al III piano del Museo Revoltella.
fino al 24 febbraio 2013:
Retrouver Trieste’, presso la Sala Scarpa del Museo Revoltella.
Chiuse le mostre:
‘Deserted Utopia’
‘Trieste vista da Graz’
‘[ARCHITRIP!] Lacaton&Vassal: strategie e retoriche del low cost’.
Pubblicato in News | Lascia un commento

We are Mod(ern)s! We are Mod(ern)s! We are we are we are Mod(ern)s!

Copertina del libro "Modernism In-Between", a cura di Maroje Mrduljas, Vladimir Kulic e fotografie di Wolfgang Thaler, Jovis, Berlin 2012

Copertina del libro “Modernism In-Between”, a cura di Maroje Mrduljas, Vladimir Kulic e fotografie di Wolfgang Thaler, Jovis, Berlin 2012

Con un po’ di ritardo viene pubblicata di seguito l’intervista a Wolfgang Thaler e Maroje Mrduljaš, rispettivamente il fotografo e uno dei curatori del volume  “Modernism In-Between: The Mediatory Architectures of Socialist Yugoslavia” pubblicato da Jovis. La mostra delle fotografie di Thaler, esposta al terzo piano del Museo Revoltella e conclusasi lo scorso 28 gennaio 2013, esponeva un repertorio di immagini di alcune fra le più significative architetture della Jugoslavia socialista. Nonostante l’indubbia qualità degli scatti proposti la mostra ha omesso tutto quel lavoro di ricerca e di analisi che ha prodotto il libro e un evento importante come “Unfinished Modernisation: Between Utopia and Pragmatism”, una serie di mostre, conferenze, eventi, ecc. destinati e concepiti per fornire un doveroso tributo a una produzione architettonica e urbanistica di notevole qualità. Consiglio dunque una visita all’omonima mostra ospitata attualmente al MAO (museo di architettura e design) di Lubiana e l’acquisto del relativo catalogo, per una più approfondita e illuminante conoscenza dell’argomento.

Gianluca: the work of Frédéric Chaubin has highlighted the huge architectural heritage of the former USSR and you too made an interesting recognition of what is an iconic architectural world not sufficiently recognized. According to you, we are finally faced with a time of recovery and awareness for that architectural period, away from ideological prejudices? In recent years this kind of architecture was often rejected by the people because it reminds a ‘dark’ period…

Wolfgang: I think that this project is quite different from Chaubin’s. Here we have a work of three people: Maroje and Vladimir, who are historians, and me the photographer. Step by step we dug deeper and collected the photographs as you can see here. Also the texts presented in the book reflect a research over the years.

G: it’s interesting to note the remarkable inventiveness and formal expressiveness of the buildings caught in your photos, in sharp contrast with the standardized method of construction (I mean the model of Plattenbau). Yet, in some cases, there’s still a ‘sinister’ charm, I’m thinking about the Mamutica in Zagreb. What is your relationship with that kind of architecture?

W: my relationship is just putting the camera in front! Ahahah! My relationship with architecture is a photographic one, is to capture it so other people can read and get an idea of the buildings. My aim is not to comment or judge the objects I photograph but the images should also be – if possible – a pleasure to watch. Besides of finding proper angles the photographer also has to deal with the objects, vegetation, people etc. which sometimes add significantly to the image. Each trip I have done we planned, made a list of objects that should be photographed, not all of them were possible and some have been added while traveling but it was not that I discovered the buildings while traveling.

G: how can describe your pictures a work of architecture? I mean, on which aspects do you focuse more in showing a building?

W: when I photograph a building I simply try to make it readable for the audience and try to contribute to its acceptance, to make it understandable in some way.

Francesco: you collaborated together to create this book, is it a photographic book?

Maroje: No! The structure of the book is sort of hybrid: Wolfgang Thaler’s photos depict present-day state of architecture in lands of former Yugoslavia, while texts written by Vladimir Kulic and me analyse history of architecture of the socialist Yugoslavia. Essays and Thaler’s photos are, of course, closely related. Book is structured in five chapters which discuss different conditions of Yugoslav “in-betweens” after WWII and before 1991. Probably the most obvious case of in-betweens is geo-political position of the Yugoslavia which was, in political terms, situated in-between East and the West Block and defied Cold War divisions. The story gets more complex when you take into account quite specific condition which is related to the specific social-political concept of self-management socialism in Yugoslavia, therefore we discuss role of architecture and urban planning which attempted to mediated between often contradictory actors and phenomena:
between individual and collective, consumer lifestyles and egalitarian goals of society, between progressive future and mythical past….. We have combined in-depth historical survey and careful selection of photographs. These two layers of the book are mutually dependent and are result of collective effort and close collaboration. I would say that our book is different than most of the popular books published recently about the so-called ‘East Modern Architecture’, which are often based on sort of “curious gaze” on “exotic Other” of modernity, without seriously taking into account real architectural quality and instead focus on bizarre, eccentric an unusual. Also, they rarely attempt to provide the reader with more complex historical interpretations. Project started on Wolfgang’s initiative and his images are central, but he knew that he needs to collaborate with historians and critics of architecture in order to capture the meaning underlying the mere aesthetic qualities of architecture built in socialist Yugoslavia.

F: Mila talked about the particular thing that in Yugoslavia there was the habit to recognize the name of the building with the name of the construction company and not with the name of the architect, and so one of the aim of this book and its research is to find and give the memory of the name of the architect of each building…

M: In some cases housing blocks were indeed associated with the investors, with the company who actually paid for the construction of the building or the office buildings were known by the name of the company which housed it. On the other hand, the cultural role of the architects was exposed and some of them were quite well known. For example, major Yugoslav daily newspaper Borba gave annual award for architecture, creating sort of architectural star-system. After the dissolution of the socialist Yugoslavia architecture of 1960s or 1970s was not automatically rejected because of the ideological reasons. Some big housing complexes were criticized as inhuman or for lacking more diversified programs even during socialism, but that’s reaction to modernist housing settlements in general and preference of single-family house over collective housing. Nowadays, modernist residential areas in New Belgrade, New Zagreb and Split are recognized as quality space because of generosity of public space, greenery, provision of parking and good functional organization of flats. Furthermore, concert halls, schools and hospitals which were erected during the socialist period and are still functioning today – urbanization process was vast and many of public facilities or urban infrastructure date from period of socialism. Simplified bipolar reaction to socialist architecture is much more complicated and ambivalent and is related to comprehension of modernism in general.
What we really have to do is re-inscribe architecture of high quality produced in the socialist Yugoslavia into the international history of modern period. Nowadays the dominant historiographies are written by the westerners and architecture from socialist countries is mostly omitted, partly because of lack of information, partly because of lack of understanding of local contexts and performance of these architectures which should be also taken into account. Architectures from Eastern or Central Europe are normally comprehended as distorted or simplified version of western modernism which is considered as sort of normative stylistic or aesthetic canon. But we should go beyond pure aesthetics and investigate how architecture contributed to the modernization processes, emancipation of citizens, and introduction of new urban cultures. I think that our book shows quite clearly how architecture in Yugoslavia changed overall societal landscape. In Yugoslavia urbanization as major modernizing device was essential. But, in Poland, Czech Republic, former Soviet Union or elsewhere in Central and Eastern Europe you will also find advanced architectural concepts, unfortunately often unrealized, and interesting built architecture. The energy of historical avant-gardes didn’t just vanish; it was channeled in different types of architectural activities, for example urban planning and export of construction expertise to the Third-World post-colonial countries. After the Cold War divisions, new architectural history needs to be written.

W: I don’t like too much the use of labels such as “East-modern” and others as they tend to simply the topic, which is especially in the case of former Yugoslavia misleading as there was no homogeneous production of architecture.
The buildings presented in the book are only partly residential, lots of them are institutional and they are usually not rejected by the people. What people usually critize is the lack of maintenance rather then the actual quality of architecture.

Gianluca Croce, Silvia Grion, Francesco Iuretig

Pubblicato in News | 2 commenti

Intervista ad Armin Linke

Intervista ad Armin Linke from Piazza dell’architettura on Vimeo.

Piazza dell’Architettura non si ferma nemmeno dopo la fine degli incontri e degli eventi collaterali. Per aiutarvi a conoscere meglio i fotografi della mostra principale ed il loro modo di lavorare, vi proponiamo l’interessante intervista fatta ad Armin Linke. 

Vi ricordiamo che la mostra sarà visitabile al Museo Revoltella fino al 24 febbraio.

Elisa Cacaci

Pubblicato in News | Lascia un commento

#Save the date – Ritrovare Trieste

Fotografia di Errico Lackner

Fotografia di Errico Lackner

Giovedì 7 febbraio alle ore 19 presso l’associazione Zero40 in via Paduina 9A si inaugurerà la mostra Ritrovare Trieste, a cura di Francesco Iuretig, e sarà l’ultimo evento collaterale ed ultimo appuntamento di questa seconda edizione di Piazza dell’Architettura.
Vi invitiamo tutti per un brindisi di ringraziamento per la vostra partecipazione durante questo festival. Ricordando, inoltre, che le mostre presenti al Museo Revoltella sono visitabili fino al 24 febbraio.

Ritrovare Trieste è una mostra fotografica sulle opere di Errico Lackner, fotografo non professionista, che ha immortalato la Trieste anni ’60 in centinaia di scatti. In questi si ritrovano luoghi, caratteri, persone, forme di una città attraversata dal vento ruvido della storia: bandiere americane, transfrontalieri, Cavana sventrata, pescatori e scorci di una Trieste a tratti irriconoscibile a tratti metropolitana con le sue tante insegne luminose.
Libero da obblighi professionali, egli affinò lo sguardo sui soggetti che prediligeva, ispirato dai grandi fotografi che pubblicavano su Paris Match, Time e altre testate internazionali. Questi riferimenti influenzarono il suo modo di fotografare portandolo a produrre opere di buon livello.
Le fotografie esposte sono state scattate con macchine di marche diverse, Nikon, Minolta, Yashica, Leica, a volte sue altre volte prestate da un amico ottico che, fidandosi della sua professionalità, gli lasciava provare i modelli nuovi per poi sentire il suo parere.

In un’ottica di riuso e attenzione all’ambiente l’allestimento è stato realizzato con i pannelli che fecero da supporto per la mostra “Architettura in montagna, Gino Valle in Carnia” svoltasi a Treppo Carnico nella galleria Enrico De Cilia il 2 luglio 2005, a cura di Giovanni Corbellini.

Francesco Iuretig
Pubblicato in eventi, mostre, News | Lascia un commento

Nuovi traguardi per la rigenerazione urbana

La nuova scuola a Mathare (Nairobi). Foto tratta da http://www.lotusenvironmentalblog.it/

La nuova scuola a Mathare (Nairobi). Foto tratta da http://www.lotusenvironmentalblog.it/

Ieri pomeriggio si è tenuta l’ultima tavola rotonda di quest’edizione di Piazza dell’Architettura in cui si è affrontato il tema dell’architetto impiegato nei Paesi in via di sviluppo e in transizione.

E’ stata anche un’occasione per capire verso quale direzione la figura dell’architetto si stia evolvendo; abbandonando l’idea di  figura professionale tradizionale, oggi un esperto del settore può essere allo stesso tempo sociologo, fotografo, agronomo.  Si è visto infatti, durante il corso dell’incontro, come tale presupposto risulta essere una necessità nei casi in cui ci si deve confrontare con realtà esotiche e per far sì che si possa ottenere un risultato condiviso sia dai realizzatori che dai fruitori dell’intervento.

E’ stata Ileana Toscano, presidente di Kallipolis, associazione non profit di sviluppo urbano sostenibile, a farci da guida attraverso queste nuove esperienze progettuali. In primo luogo si è marcato il fatto che ogni intervento di rigenerazione viene attuato attraverso la progettazione partecipata, grazie al quale ci si può avvicinare alle persone locali che riceveranno il progetto. Dal 2006 infatti Kallipolis si impegna per ridare salute e sicurezza a realtà situate nei Balcani, ma anche a Cuba e in Ecuador, attraverso progetti che vedono coinvolti in prima persona le comunità locali e danno vita ad un centro culturale o alberghi diffusi, per esempio, totalmente inseriti nel contesto per cui sono stati pensati.

Un’altra ospite, Cecilia Corsini, architetto consulente per Medici Senza Frontiere, ha dato voce alla sua esperienza a Buenaventura (Colombia). Il comune di 400.000 abitanti si affaccia sulle coste del Pacifico e risulta essere costituito parzialmente da strutture su palafitte e il più grande problema da affrontare è stato il ripristino del sistema idrico. I collegamenti idrici fatiscenti, infatti, che servivano una parte di insediamento non consolidato e sviluppato su palafitte, erano la principale fonte di malattie.
Il progetto ha coinvolto Msf , che ha finanziato i materiali per creare il nuovo sistema di tubazioni, e le persone locali che hanno costituito la manodopera. Oltre alla fase di riprogettazione è stata importante la parte formativa dei destinatari dell’opera, infatti la sensibilizzazione è fondamentale per mantenere vivo il progetto anche dopo la realizzazione.

Gaetano Berni, architetto e direttore generale dei progetti dell’Ong Liveinslums, ci ha portato in un’agglomerato di slum (quartiere informale) alla periferia di Nairobi, chiamato Mathare. La città, relativamente giovane, è ancora legata al colonialismo ed è costellata di Slum che sono le parte non gestibile dalla città, in cui le rivolte sono all’ordine del giorno e la mancanza di infrastrutture rende obbligatorio a chi ci abita fare centinaia di metri per trovare dell’acqua potabile e i servizi igienici. Il gruppo di lavoro, costituito da fotografi, sociologi, agronomi e designer  ha affrontato lo studio dello slum attraverso mappature e il contatto diretto con gli abitanti. L’intervento vero e proprio si è concentrato nei paraggi della scuola locale, trasformando un’area di discarica abusiva in un orto abusivo e dando vita alla nuova scuola che ora può contare anche su una piccola struttura destinata alla preparazione dei pasti.

Ponendosi dalla parte della rappresentanza locale, Nasiha Pozder, architetto e docente presso l’Università di Architettura di Sarajevo, fa parte di quella parte di cittadini che accoglie l’aiuto e il confronto da parte delle organizzazioni internazionali per il miglioramento della sua città. Sarajevo sta rimarginando le ferite del passato grazie alla cucitura delle due zone di città divise per molto tempo, attraverso progetti che possano favorire l’integrazione di queste due realtà, sviluppandoli lungo il fiume Drina. Sono stati promossi  numerosi progetti che possano inoltre incentivare il turismo a livello nazionale grazie anche al rinnovamento dei villaggi distrutti dal conflitto. Sarajevo rimane al centro di numerosi concorsi internazionali come Sarajevo Green Design Festival, che concepisce la capitale come fonte di spazi vedi o People VS Borders promosso dall’Università di Trieste e Kallipolis, che riprende il tema della risoluzione del dualismo che caratterizza la città.

Infine Dario Piattelli, architetto per la Cooperazione Italia – Ministero degli Affari Esteri, ha raccontato la sua esperienza a Kabul. Le condizioni del sistema sanitario della città è direttamente proporzionale ai disagi che hanno coinvolto il paese negli ultimi anni. L’Afghanistan oggi è uno degli ultimi stati in condizioni d’emergenza e molto spesso gli interventi umanitari non vengono tenuti assieme da una logica generale. Infatti nella capitale ci sono 16 ospedali ma nessuno di questi funziona adeguatamente, quindi si è cercato di trovare un piano di sviluppo che promuovesse un insieme di sinergie e di fondi. Gli interventi architettonici sono stati improntati sull’ampliamento di edifici preesistenti, grazie all’appoggio anche della facoltà d’architettura di Herat, e sulla costruzione di nuovi, ponendo come presupposti il risparmio energetico e la modularità strutturale.

Sicuramente questi interventi hanno dimostrato che una nuova architettura è possibile, anche in luoghi in cui manca la speranza, oltre al fatto che noi architetti abbiamo la possibilità di re inventarci  per trovare soluzioni che miglioreranno il futuro di tutti. Attendiamo la prossima edizione di Piazza dell’architettura per vedere cosa sarà cambiato nel frattempo,  intanto non perdetevi gli ultimi appuntamenti della manifestazione.

 

Elena Formica e Elisa Cacaci
Pubblicato in News | Lascia un commento

#Save the date – Il ruolo dell’architetto nei progetti di cooperazione allo sviluppo

fotografia scattata da Cecilia Corsini in Colombia durante il progetto di comunità per la realizzazione della rete idrica del quartiere Miramar di Buonaventura.

fotografia scattata da Cecilia Corsini in Colombia durante il progetto di comunità per la realizzazione della rete idrica del quartiere Miramar di Buonaventura.

Domani, sabato 2 febbraio 2013, ore 17 presso l’Auditorium Museo Revoltella si terrà al tavola rotonda dal titolo:
IL RUOLO DELL’ARCHITETTO NEI PROGETTI DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO.
Un dialogo tra esperti del settore che indagano le città dei Paesi in via di sviluppo e in transizione. Un confronto a più voci per capire assieme come si declina la professionalità dell’architetto nei progetti di cooperazione allo sviluppo. A cura di Kallipolis, associazione non profit di sviluppo urbano sostenibile, con sede a Trieste e che dal 2006 promuove progetti di sviluppo per migliorare la vivibilità nei contesti urbani attraverso gli strumenti della pianificazione territoriale.

tavola rotonda
Gaetano Berni, architetto e direttore generale dei progetti dell’Ong Liveinslums – Italia.
“Inside Mathare: progetto agricolo e riqualificazione di una scuola di strada nel distretto Mabatini (slum di Mathare, Nairobi)”.
Cecilia Corsini, architetto consulente per Medici Senza Frontiere – Francia
“Progetto di comunità per la realizzazione della rete idrica del quartiere Miramar di Buonavenuta in Colombia”
Dario Piatelli, architetto per la Cooperazione Italia – Ministero degli Affari Esteri
“Un progetto per il pronto soccorso afgano di supporto al sistema sanitario locale”
Nasiha Pozder, architetto e docente presso l’Università di Architettura di Sarajevo
“Il tecnico locale nei progetti di cooperazione promossi dagli organismi internazionali”
Dusko Basic, architetto presso il Dipartimento di Pianificazione della Municipalità di Novi Grad – Sarajevo “I progetti di ricostruzione nella Sarajevo post-conflitto”
modera Ileana Toscano, presidente dell’associazione Kallipolis

Francesco Iuretig
Pubblicato in News | Lascia un commento

#Save the Date – Studi Aperti – Studio Architec

Domani, 1 febbraio alle ore 18, apertura alla città dello Studio Architec  in Piazza S.Antonio 2 dove verrà presentato il progetto di rigenerazione dell’isolato tra le vie Valdirivo, Mercadante, Milano e Carducci ad opera dei due giovani architetti Fanigliuolo e Iacobone.

Ecco la loro intervista:
D: Nel vostro progetto di riuso presentato all’inaugurazione prevedete l’installazione
di impianti di produzione energetica da fonti rinnovabili? Se sì quali sono le
soluzioni tecniche adottate?
A: Il progetto presentato in questa edizione si svolge in un contesto molto particolare, per alcuni
aspetti sfavorevole, del Centro Storico. L’edificio, costruito agli inizi del ‘900, occupa un isolato
intero del borgo teresiano e si sviluppa su una superficie complessiva considerevole.
Ovviamente le destinazioni d’uso, che in parte andremo a mutare, necessiteranno di particolari
scelte tecniche e tecnologiche ma, vista l’ubicazione dell’intervento, sarà arduo ottimizzare le fonti
rinnovabili, se non per alcuni casi, che però non renderanno autosufficiente l’edificio.

D: Nella rigenerazione urbana, la sostenibilità riguarda molti aspetti oltre a quelli
architettonici: economici, sociali e di programmazione urbanistica. Gli attuali
strumenti urbanistici sono all’altezza della sfida della rigenerazione urbana
sostenibile?
A: La sostenibilità legata al riuso e alla rigenerazione urbana rappresenta un mondo molto complesso.
L’ ambito architettonico non può assolutamente trascurare gli aspetti menzionati ovvero gli aspetti
sociali, economici e di programmazione urbanistica perchè anch’essi, all’interno dell’intricato campo
progettuale, finiscono per essere parte integrante del progetto.
Attualmente, gli strumenti urbanistici coprono solo uno dei tanti step step all’interno dell’area di
intervento ed è anche per questo che non è sbagliato definire “sfida” la rigenerazione urbana
sostenibile. Le Normative, in senso lato, sono spesso stringenti e di difficile comprensione ma non
rappresentano l’unico fattore che oggettivamente riduce l’applicazione dell’inflazionato termine di
sostenibilità.

D: Sostenibilità e riuso sono termini molto inflazionati, rischiano di perdere di significato: la sua definizione di sostenibilità.
A: La sostenibilità è la capacità, a qualunque livello e in senso esteso, di mantenere processi, relazioni,
fini e produttività nel futuro. Delimitando il campo e concentrandoci sul tema di riuso e rigenerazione pensiamo che essi siano rappresentati da ogni intervento capace di apportare un miglioramento nell’ambiente urbano dal punto di vista sociale, ambientale ed estetico.
La sostenibilità e il riuso coinvolgono direttamente e in prima persona l’ambiente pubblico. Per far
si che un intervento rigenerativo possa risultare efficace è assolutamente necessario che la pubblica amministrazione funga da collante tra le richieste del mercato e dei cittadini.
Ecco perchè rigenerazione, riuso e sostenibilità sono attività che mirano non solo alla riqualificazione fisica, necessaria per un rilancio di immagine urbana a livello estetico, ma corrono in parallelo a interventi di natura culturale, sociale, economica ed ambientale, finalizzati ad un incremento della qualità della vita, nel rispetto degli alti principi di sostenibilità ambientale e di partecipazione sociale.

D: Questa edizione di Piazza dell’architettura è differente dalla prima, cosa si sente di suggerire per la prossima edizione?
A: Sappiamo bene quanto sia difficile organizzare un evento e sappiamo altrettanto bene quanto sia
facile criticare a esiti avvenuti.
Non siamo nella posizione di avanzare una critica ma speriamo vivamente che nella prossima
edizione ci sia un maggiore coinvolgimento del pubblico il quale, troppo spesso, risulta essere
intimidito dalla figura rappresentata dalla nostra professione.
Crediamo anche che le iniziative collaterali, in questo caso facciamo riferimento all’evento “studi
aperti” potrebbero avere più seguito se non ci fosse un tema fisso; in questo modo, forse, anche gli
studi che non hanno sviluppato un tema specifico, potrebbero partecipare all’iniziativa e interagire.

Pubblicato in News | Lascia un commento

Studi Aperti – il video

A grande richiesta ecco il video proiettato all’inaugurazione di Studi Aperti ad opera del videomaker Christopher Scherlich.

Si ringraziano tutti gli studi per la loro partecipazione.

Francesco Iuretig
Pubblicato in News | Lascia un commento